Archivi categoria: musica internazionale

‘Father of All…’. Il nuovo album dei Green Day ci riporta nel 2004

Uscito lo scorso 7 febbraio, Father of All Motherf*****s (anche conosciuto con il titolo censurato Father of All…) è il tredicesimo album in studio dei Green Day, definito ‘very high energy’ dal frontman della band Billie Joe Armstrong in un’intervista rilasciata a Billboard.

La copertina dell’album ritrae una mano che stringe una granata: è la stessa immagine della copertina di American Idiot, lo straordinario disco del 2004 che ebbe un effetto devastante sulla ragazzina che ero all’epoca – riuscendo infatti a influenzare gran parte dei gusti musicali e delle idee sulla musica che ho ancora oggi. Cosa avrà Father of All… a che fare con American Idiot? E’ possibile che il nuovo disco riprenda a raccontarci la storia che si è interrotta con la nona traccia di American Idiot? C’è speranza di rincontrare St. Jimmy, Whatsername e il Gesù dei sobborghi?

In Father of All… non incontriamo nessun volto familiare ma è chiaro che con certe linee di basso, certe atmosfere e certe tematiche i Green Day abbiano cercato disperatamente di riportarci al lontano 2004 (e in alcuni casi anche agli anni precedenti). Ma vediamo i brani nel dettaglio.

La prima traccia Father of All… è il singolo che nel settembre 2019 ha anticipato l’album. Un pezzo punk in your face cantato in falsetto che ti fa venire voglia di alzarti dalla sedia (è uno dei miei pezzi preferiti quando ho il leg day in palestra). La traccia numero due Fire, Ready, Aim è stata utilizzata per l’apertura della National Hockey League. La frase ‘Ready, Aim, Fire’ è usata come indicazione per i soldati su come usare le armi da fuoco ma il problema, scrivono i Green Day nella descrizione del videoclip della canzone su Youtube, è che nella società di oggi si attacca senza prima pensare. Il tema della critica alla società americana che era iniziato in Warning e che era diventato il fulcro di American Idiot si insinua quindi anche in questo album.

La terza canzone, Oh Yeah! prende titolo e ritornello da Do you wanna touch me? (Oh yeah) di Gary Glitters. Stavolta la critica è rivolta alla società tenuta in pugno dai social media (Everybody is a star\ Got my money and I’m feeling kinda low) e dai problemi legati al sistema scolastico e alla detenzione di armi (I’m just a face in the crowd of spectators\ To the sound of the voice of a traitor \ Dirty looks and I’m looking for a payback\ Burning books in a bulletproof backpack). L’atmosfera si fa più leggera e allegra in Meet me on the roof, brano in cui Billie Joe ritorna adolescente sfigato che ha paura di fare la prima mossa con la ragazza che gli piace. Anche nella traccia successiva, I was a teenage teenager, Billie Joe canta dei sentimenti di odio e inadeguatezza della propria adolescenza (I was a teenage teenager full of piss and vinegar \ Living like a prisoner for haters\ I was a teenage teenager, I am an alien visitor \ My life’s a mess and school is just for suckers), sentimenti che erano stati al centro di album come Dookie e Nimrod.

La settima traccia, Stab you in the heart, è una vera sorpresa ma non ho ancora ben chiaro se è bella o brutta. Si tratta di un pezzo incazzato e rockabilly in cui i Green Day giocano a fare i Beatles e vi assicuro che non riesco a descriverla meglio (ascoltare per credere). Il nono brano, Sugar Youth, ricorda terribilmente il brano She’s a rebel di American Idiot e somiglia vagamente anche a Letterbomb. Ancora una volta Billie Joe si trasforma nell’adolescente senza speranze dei primi album (Like a high school loser \That will never ever, ever, ever fuck the prom queen). Arriviamo finalmente a Junkies on a High, la mia preferita di tutto l’album. E’ un brano dark sul tema della distruzione di sè, un brano che ti rimane nella testa e che francamente c’entra poco con il resto dell’album. La linea di basso è quasi identica a quella di Boulevard of Broken Dreams. La traccia numero undici è Take my money and crawl, un brano innegabilmente catchy e in puro stile Green Day ma che non mi dice molto. Chiude Graffitia, la canzone più impegnata dell’album e più spiccatamente politica sulla situazione di declino nelle città della Rust Belt dovuto alla chiusura delle fabbriche, la questione razziale e la violenza che ne deriva.

Cosa penso di Father of All…? L’energia c’è, ma è un album che corre troppo, arraffa, comprime. Sembra voler dire molto, ma di fatto dice poco. Sembra provare a dirci qualcosa di nuovo, ma quello che sentiamo in fondo lo sappiamo già. E’ un album breve fatto di cose già viste, troppo lontano dal monumentale American Idiot, del quale non può per altro assolutamente essere considerato l’erede o il sequel.

E’ chiaro che la band abbia tentato di racchiudere in questi 26 minuti tutto quello che i Green Day sono stati in American Idiot e prima, ma finisce per mettere insieme una serie di cliché spesso mal amalgamati tra loro, uniti a qualche tentativo di innovazione non perfettamente riuscito. Resta comunque un album piacevole da ascoltare, in cui la band rimane riconoscibile per noi fan che li abbiamo ascoltati e amati a cavallo tra il nuovo e il vecchio millennio.

E voi l’avete ascoltato?

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento e seguici sui nostri social. Ci trovi su FacebookInstagram e Twitter.

‘Father of All…’. The new Green Day album takes us back to 2004

Released on February 7th, Father of All Motherf*****s (also known as Father of All…) is Green Day’s thirteenth studio album, described as ‘very high energy’ by frontman Billie Joe Armstrong during an interview with Billboard.

On the cover there’s a hand holding a grenade: it’s the same image that appears on the cover of American Idiot, the extraordinary 2004 record that had a huge impact on the little girl I was at that time – influencing a big part of my taste and my ideas about music. What does Father of All… have to do with American Idiot? Is it possible that this new record someway resumes the story that got interrupted in the ninth track of American Idiot? Can we hope to meet St. Jimmy, Whatsername and Jesus of Suburbia once again?

We meet no familiar faces in Father of All… but it is clear that Green Day has tried to bring us back to 2004 (and in some cases even back to the previous years) by choosing certain bass lines, certain atmospheres and certain themes.
Let’s have a close look at the tracks.

The first track, named Father of All, is the single, released in september 2019, that anticipated the album. It’s a falsetto sung punk song in your face that makes you want to stand up (it’s my personal favourite when I have leg day at the gym). Track number two, Fire, Ready, Aim, has been used for the opening of the National Hockey League. The phrase ‘Ready, aim, fire’ is an instruction given to soldiers on how to use their weapons but the problem, writes Green Day in the video description on youtube, is that today’s society attacks without even thinking. The tale of criticism towards the American society that had started in Warning and that had been at the core of American Idiot is also present in this album.

The third song, Oh Yeah! samples the refrain from Gary Glitters’ Do you wanna touch me? (Oh yeah). The band criticizes the part of society that’s obsessed with social media (Everybody is a star\ Got my money and I’m feeling kinda low) and adresses the problems of the American school system and the consequences of gun detention (I’m just a face in the crowd of spectators\ To the sound of the voice of a traitor \ Dirty looks and I’m looking for a payback\ Burning books in a bulletproof backpack). The atmosphere gets lighter and happier in Meet me on the roof, a song in which Billie Joe gets back to the times when he was a teenage loser and felt anxious about asking the girl out. Also in the following track, I was a teenage teenager, Billie Joe sings about the feelings of hate and inadequacy of his own adolescence (I was a teenage teenager full of piss and vinegar \ Living like a prisoner for haters\ I was a teenage teenager, I am an alien visitor \ My life’s a mess and school is just for suckers), feelings that had been at the core of albums like Dookie and Nimrod.

The seventh track, Stab you in the Heart, is a true surprise, even though I still don’t know if it’s a good or a bad one. It’s an angry, rockabilly song in which Green Day pretend to be The Beatles – and I swear I could not describe it in a better way (listen and you’ll know). The ninth song, Sugar Youth, reminds me a lot of She’s a Rebel from American Idiot but it also sounds a lot like Letterbomb. Once again Billie Joe turns into the hopeless teenage boy of the first albums (Like a high school loser \That will never ever, ever, ever fuck the prom queen). We finally get to Junkies on a High, my favourite song of the entire album. It’s a dark song about self destruction, a song that gets stuck in your head and which, honestly, has nothing to do with the rest of the album. The bass line is almost identical to the one of Boulevard of Broken Dreams. Track number eleven is Take my money and crawl, an undeniably catchy and oh-so-Green-Day song that doesn’t add much to the album. The last song is Graffitia, the most political one of the album, about the situation of decline in the cities of the Rust Belt due the closing of the factories, but it also addresses the racial questions and the violence that derives from them.

What do I think about Father of All…? There is a lot of energy, but it’s an album that runs to much, sneaks and compresses. It sounds like it is trying to say a lot, but it ends up saying too little. It sounds like it is trying to say something new, but all we hear is something we already know. It’s a short album made of things we’ve already seen, too far from the monumental American Idiot of which it cannot be considered a sequel or a heir.

It is clear that the band has tried to enclose in these 26 minutes all that Green Day has been in American Idiot and before, but they end up putting together a series of cliches – often not mixed well at all – together with a couple of innovative attempts that haven’t really worked. Despite all of this, Father of All… is a nice record in which the band is still recognizable for us fans that have been loving them and listening to them between the old and the new millennium.

And you? Have you listened to it?

Did you like this post? Leave a comment and follow us on our social media. You can find us on FacebookInstagram and Twitter.

I concerti di Febbraio: Stereophonics, Liam Gallagher, Kaiser Chiefs

English version below.

E’ stato un mese breve, intenso, ma soprattutto pieno di musica live. Sono tre gli artisti che sono approdati qui nei Paesi Bassi e si tratta di tre artisti che hanno scritto le pagine migliori della musica rock inglese degli ultimi vent’anni. Non potevo assolutamente perdermeli!

1 Febbraio, AFAS Live (Amsterdam): Stereophonics, Kind Tour 2020
Il mio tour de force è cominciato il primo del mese con gli Stereophonics e la tappa del Kind Tour 2020 di Amsterdam. Kind è anche il nome del loro ultimo album in studio, uscito il 25 ottobre 2019 e anticipato in estate dai singoli Fly like an Eagle e Bust this town. Il concerto è stato aperto da Nadia Sheikh, voce pop e chitarre cattive, che non conoscevo ma che ho apprezzato (qui potete ascoltarla in Flip the Coin). Nonostante il tour si chiami Kind come l’ultimo disco della band, lo show non è per niente costruito intorno a questo disco. Anzi, gli Stereophonics non suonano che due pezzi da Kind che comunque, detto tra noi, è un progetto che poco regge il confronto con quelli precedenti (mi riferisco soprattutto Just Enough Education to Perform e Scream Above the Sounds, secondo me i migliori). In un AFAS strapieno e dall’acustica discutibile, il che causa problemi soprattutto nella prima parte del concerto, ripercorriamo la carriera della band del Galles cominciata ormai quasi trent’anni fa, attraverso hit come Maybe Tomorrow, Have a Nice Day, Mr. Writer e ovviamente Dakota. Tutti bravissimi, ma il frontman Kelly Jones è una spanna sopra tutto e tutti – perfetto, forse troppo. Il tour degli Stereophonics continua nei prossimi mesi in UK, Irlanda e Paesi Bassi. Qui potete trovare le date.

7 Febbraio, Ziggo Dome (Amsterdam): Liam Gallagher, European Tour 2019/2020
Dopo l’uscita dell’ultimo album in studio Why me? Why not nel settembre del 2019, Liam comincia la promozione del disco con una tournée in Irlanda e Regno Unito, per poi approdare dall’altro lato della Manica. Sono stata alla tappa di Dublino a novembre 2019 e ho voluto replicare con Amsterdam, ma fino all’ultimo minuto nessuno sapeva se il concerto si sarebbe tenuto. Solo 48 ore prima, infatti, Liam aveva abbandonato il palco ad Amburgo perché aveva completamente perso la voce. Dopo la band supporto, i fedelissimi Twisted Wheel (qui potete ascoltare la loro Strife), Liam sale sul palco e apre con Rock’n’Roll Star. La voce va e viene – in 48 ore non possono succedere miracoli – ma non sembra essere un problema. E’ il pubblico ad aiutarlo a cantare e nonostante i problemi Liam riesce a regalarci una bellissima versione di Stand by Me, inserita in scaletta contro ogni pronostico. La scaletta è un compromesso tra molti brani degli Oasis e brani tratti dall’ultimo album (che nel Regno Unito ha debuttato al numero 1) come i singoli Shockwave, The River e la meravigliosa Once. Il tour di Liam Gallagher continua in tutta Europa, qui tutte le date in aggiornamento.

17 Febbraio, Tivoli Vredenburg (Utrecht): Kaiser Chiefs, Duck Tour 2020
La band indie rock di Leeds approda al Tivoli Vredenburg di Utrecht il giorno dopo aver registrato il tutto esaurito ad Amsterdam, per una tappa del tour che porta il nome del loro ultimo disco uscito la scorsa estate, Duck. Aprono i Port Noir, svedesi e incazzati, un mix di rock, hip-hop e r&b (not my cup of tea, ma se li volete ascoltare, questa è Flawless). La scenografia è pazzesca: in fondo a destra c’è il capanno che compare anche sulla copertina di Duck, la batteria e le tastiere sono caricate in cima a due gigantesche ruote di trattore, gli amplificatori risplendono e la scritta ‘Kaiser Chiefs’ campeggia in alto a sinistra, fatta di lampadine. Ricky Wilson sale sul palco vestito di bianco (cercherò di non parlare del suo fascino perchè potrei andare avanti per ore) e apre il concerto con People know how to love one another, la prima traccia di Duck. Non ci mettiamo molto a capire che il virus di Gallagher ha colpito anche Ricky perché la sua voce, come quella di Liam, va e viene. E’ lui stesso alla fine della prima canzone ad ammetterlo e aggiunge ‘Mi dispiace, stasera niente Kaiser Chiefs’. Fa per andarsene, poi cambia idea e torna davanti l’asta del microfono. ‘Il concerto ci sarà, ma dovete aiutarmi a cantare’. Vado contro la critica olandese, che li ha praticamente distrutti, e vi dico che sebbene tecnicamente non sia stato il loro migliore live, alla fine il carisma di Ricky (che riempiva le pause tra le canzoni con l’aerosol portatile), la bravura degli altri membri della band e i brani di Duck (un album davvero niente male) hanno compensato la voce assente del frontman. Entusiasmanti durante la performance della loro hit Ruby, perfetti in Record Collection – il singolo che ha anticipato l’uscita dell’album. Andrò sicuramente a rivederli, magari non nella stagione dell’influenza. Il tour riprende in tutta Europa da aprile, qui le date.

Ora tocca a voi. Che concerti avete visto questo mese?

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento e seguici sui nostri social. Ci trovi su FacebookInstagram e Twitter.

February’s gigs: Stereophonics, Liam Gallagher, Kaiser Chiefs

This month was short, intense and full of live music. Three great artists have showed up here in The Netherlands, three artists who have written some of the best pages of British rock music during the last twenty years. Could I miss them?

February 1st, AFAS Live (Amsterdam): Stereophonics, Kind Tour 2020
My tour de force started the first day of the month with Stereophonics and their gig in Amsterdam as part of the Kind Tour 2020. Kind is also the name of their last studio album, released on October 25th 2019 and anticipated in the summer by the singles Fly like an Eagle and Bust this town. The show started with a performance by Nadia Sheikh, who brought her pop voice and aggressive guitars. I had never heard of her but I quite appreciated her music (here you can listen to Flip the Coin). Even though the tour has been named after Stereophonics’ last album, the show has not been constructed around this record. The band only played a couple of songs from Kind – an album that, to be honest, cannot be compared to the previous ones. I am talking about albums like Just enough Education to Perform and Scream Above the Sounds, which are the best ones in my opinion. The venue was full and there were some technical issues which caused some problems particularly during the first part of the show. We relived the long career of the Welsh band, that started thirty years ago, through hits as Maybe Tomorrow, Have a Nice Day, Mr. Writer and of course Dakota. The band did great, but the frontman Kelly Jones is a cut above everything and everyone – he’s perfect, maybe too perfect. Stereophonics will go on with their tour in the UK, Ireland and The Netherlands. Here you can find the dates of the upcoming gigs.

February 7th, Ziggo Dome (Amsterdam): Liam Gallagher, European Tour 2019/2020
After the release of the last studio album Why me? Why not in September 2019, Liam Gallagher started promoting the record with a tour in Ireland and the UK and later moved to the other side of the English Channel. I have been to one of the Dublin gigs in November 2019 and I had a great time, so I decided to go also for the Amsterdam gig but until the very last moment no one knew if the gig was going to be on. Only 48 hours earlier, in fact, Liam had left the stage in Hamburg because his voice was completely gone. After the support band, the loyal Twisted Wheel (here you can listen to their Strife), Liam gets on stage and sings Rock’n’Roll Star. His voice comes and goes – miracles can’t happen in 48 hours – but it does not seem to be a problem. It’s the audience that helps him sing and despite the issue Liam delivers a marvelous version of Stand by Me, part of tonight’s setlist against all predictions. The setlist is a compromise between lots of songs by Oasis and songs from his last album (which debuted n.1 in the UK) such as the singles Shockwave, The River and the lovely Once. Liam Gallagher’s tour goes on in whole Europe, here you can find all the gigs.

February 17th, Tivoli Vredenburg (Utrecht): Kaiser Chiefs, Duck Tour 2020
The indie rock band from Leeds went to Tivoli Vredenburg in Utrecht the day after a sold out gig in Amsterdam, part of the tour which is named after the album they released last summer, Duck. The support band is called Port Noir, they’re swedish and seem pretty pissed off, with their mix of rock, hip-hop and r&b (not my cup of tea, but if you want to listen to them, here’s Flawless). The scenic design is awesome: on the back of the stage, on the right side, there is the same hut you can see on the cover of Duck, the drums and the keyboards have been put on a couple of giant tractor wheels, the amplifiers are all shiny and there’s ‘Kaiser Chiefs’ written with led lamps above, on the left side. Ricky Wilson jumps on stage dressed in white (I will try not to talk about how charming he is as I could go on for hours) and sings People know how to love one another, the first track from Duck. It doesn’t take long for us to realize that he must have caught the same virus Liam Gallagher caught, since his voice, just like Liam’s, comes and goes. It’s Ricky himself who admits it at the end of the first song as he announces: ‘I’m sorry, tonight no Kaiser Chiefs’. He heads to the back of the stage, then changes his mind and comes back to the microphone. ‘The gig is on, but you have to help me sing’. I will go against the Dutch critics, that completely destroyed Kaiser Chiefs, and I’ll tell you that even though this hasn’t been their best gig, there’s a couple of things that compensated for the voice problems: Ricky’s charisma (who spent the breaks between songs with his portable nebulizer), the talent of the other members of the band and the songs from Duck (a record which is absolutely not bad). They were amazing during the performance of their hit Ruby and they were absolutely perfect in Record Collection – the single that anticipated the release of Duck. I will definitely see them again in the future, maybe not in the flu season. Kaiser Chiefs will start touring again in Europe in april, here’s the dates.

Now it’s your turn. Have you been to cool concerts last month?

Did you like this post? Leave a comment and follow us on our social media. You can find us on FacebookInstagram and Twitter.

Un treno per il 1963: recensione del concerto dei Bootleg Beatles

E’ tipico di Marika riuscire a provare nostalgia per epoche mai vissute. Quando nel 2018 sono stata a Liverpool e ho messo piede al Cavern Club, ho desiderato intensamente di essere una diciottenne del 1963 che ballava al ritmo del primo album dei Beatles (al punto di tatuarmelo sul braccio, ma questa è un’altra storia).

Un anno fa i Bootleg Beatles annunciavano uno show proprio nella città dove abitavo, e io pensai che fosse arrivato il mio momento. In mancanza di una macchina del tempo, vedere i Bootleg Beatles live è il modo più semplice per tornare agli swinging sixties. Ho acquistato il mio biglietto per lo show del 23 febbraio al Tivoli Vredenburg, a Utrecht, parte di un mini tour dei Paesi Bassi di 6 tappe partito a Groningen il 20 febbraio.

Dal loro esordio nel marzo del 1980, i Bootleg Beatles si sono esibiti più di 4000 volte, diventando una delle band tributo dei Fab 4 più importanti al mondo. Nella prima metà degli anni ‘80 completano un tour di ben 60 date nell’ex Unione Sovietica e nel 1984 vengono invitati negli Stati Uniti per celebrare il ventesimo anniversario dal tour  statunitense dei Beatles. A seguire un tour di 10 date nel Regno Unito nelle stesse venues in cui suonarono i Beatles durante il tour del 1965. L’ascesa continua negli anni novanta, quando vengono invitati dagli Oasis ad aprire alcuni dei loro concerti. Comincia per i Bootleg Beatles un periodo di collaborazioni con volti noti della musica inglese e internazionale (Rod Steward, David Bowie e Bon Jovi, solo per citarne qualcuno). I Bootleg Beatles vantano anche un’esibizione a Buckingham Palace in occasione del cinquantesimo anniversario dall’incoronazione della regina Elisabetta II, nel 2002.

La formazione odierna vede Tyson Kelly nei panni di John Lennon, Steve White in quelli di Paul McCartney, Stephen Hill in quelli di George Harrison e Gordon Elsmore in quelli di Ringo Starr.

Ma veniamo allo show, al concerto, al musical, al documentario (insomma, non ho ancora ben capito come chiamarlo). Le luci si spengono e ad aprire lo show sono le urla delle ragazzine degli anni sessanta in preda alla Beatlemania. Si accende lo schermo con un collage di immagini di puro delirio e nel caos si sentono le prime note di Please, please me. Sul palco appaiono 4 ragazzi in dolcevita nero, stivaletti laccati neri e pantaloni a sigaretta, incredibilmente somiglianti ai Beatles nei tratti e nelle movenze (tutti a parte Paul, tra i quattro il meno simile). E’ la parte dello show dedicata agli anni che vanno dal 1963 al 1965, “Beatlemania conquers the world” (e le canzoni di quel periodo, rimanga tra noi, sono il mio fetish). Le esecuzioni (perfette) di She loves you, I want to hold your hand e l’acustica Yesterday mi hanno fatta letteralmente impazzire. 

La seconda parte dello show, “The end of touring and becoming a studio band”, ripercorre gli anni 1965 e 1966. I Bootleg Beatles indossano giacche beige, le stesse dell’esibizione allo Shea Stadium del 15 Agosto 1965. Anche l’entusiasmo in sala deve essere lo stesso dell’agosto del 1965, mentre la band esegue impeccabilmente successi come Twist and Shout, Can’t buy me love e Day Tripper, prima di fermarsi per l’intervallo. E’ durante questa parte di show che mi accorgo della magia che sta accadendo. Nel pubblico ci sono principalmente settantenni, alcuni con le stampelle, altri con il deambulatore, altri sorretti dal braccio dei propri figli. Ma tutti, dal primo all’ultimo, si alzano in piedi per ballare, anche solo per una canzone. E’ una boccata di aria fresca vederli rivivere la propria giovinezza.

I Bootleg Beatles saltano la parte dello show dedicata alla loro “esplosione psichedelica”, parte normalmente inserita negli show. E’ un peccato, perchè avrei voluto vedere i costumi di Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band. Facciamo un salto temporale che ci porta negli anni che vanno dal 1968 al 1970, “The White Album, Abbey Road and the rooftop concert”. Stavolta i Bootleg Beatles sono vestiti esattamente come sulla copertina di Abbey Road. In questa sezione vengono proiettate le immagini di alcuni degli avvenimenti storici e politici più importanti della seconda metà degli anni sessanta, avvenimenti nei quali la musica dei Beatles si intromette e si intreccia, soprattutto in questa fase della loro carriera. Lo show diventa, a questo punto, anche un po’ un documentario. Il talento di Tyson, alias John, emerge prepotentemente in Come Together, mentre Stephen, alias George, è semplicemente meraviglioso nella mia canzone preferita, While my guitar gently weeps, e mi regala una di quelle esibizioni che non si tolgono più dal cuore.

Chiude lo show la splendida Hey Jude – e qui mi rendo conto che la magia non riguarda solo il pubblico di settantenni. Qualche sedia più in là c’è un bambino, con la mamma e il papà, avrà sette o otto anni. Canta Hey Jude con lo sguardo incantato, mi ricorda che esiste certa musica che fotte il piano temporale, le generazioni, i gusti, le mode, certa musica che smetterà di essere suonata, cantata, amata solo quando tutto questo scomparirà – e nemmeno allora sono certa che succederà. Esiste certa musica che in fondo è la cosa più vicina all’idea di eternità e la musica dei Beatles ne fa parte.

Vi consiglio di tenere d’occhio i Bootleg Beatles se come me avete nostalgia degli anni sessanta – che voi li abbiate vissuti o meno. Qui trovate le date del loro tour, in continuo aggiornamento.

Ti è piaciuta questa recensione? Lascia un commento e seguici sui nostri social. Ci trovi su FacebookInstagram e Twitter.